lunedì 7 luglio 2014

Nyu VS Colombo


Ebbene non ho sfidato il tenente Colombo ad una gara investigativa.. il Colombo di cui vi parlerò è di tutt'altra natura:

Il mese scorso, un bel mattino, ho trovato sul mio terrazzo un volatile bruttino e spelacchiato.. era un piccolo piccione.
Nella foto non si nota,
 ma aveva addosso ancora molto
piumaggio giallo da pulcino.
 Avevo deciso di non avvicinarmi perchè pensavo fosse caduto dal nido e quindi i suoi genitori se ne sarebbero occupati.. ma dopo due giorni d'attesa, il piccolo era lì che piangeva sempre più debole e io non potevo più resistere: il mio cuore si stava sgretolando!
Così l'ho preso e con una siringa (senza parte metallica) gli ho dato un po' di cereali sciolti in acqua.
Mentre cercavo di imboccarlo (lui non era per niente d'accordo con quello che facevo), guardandolo da vicino, mi sono accorta che aveva qualcosa di schifoso al becco: dentro era bianchiccio e fuori sembrava quasi tumefatto.
Di lì ho immaginato che forse non era caduto ma era stato cacciato dal nido perchè era malato e quindi il più debole della famiglia.
Inizialmente pensavo di portarlo da un veterinario ma non ero sicura che qualcuno lo avrebbe preso a cuore visto che i piccioni sono animali che la gente cerca di sterminare e non di curare, così ho dato un'occhiata in rete e ho subito trovato il suo problema: si trattava di tricomoniasi, una forma di infezione batterica comune tra i piccoli di piccione (anche gli umani possono esserne affetti) che spesso li porta alla morte a causa della loro nota scarsa igiene.
Il piccolo però è finito nelle mani di una "Candy Candy" in erba e dato che la soluzione era molto semplice e divisa nel "o la va o la spacca", gli ho comprato un farmaco specifico che si chiama Dimetrin (molto economico e facile da somministrare) e gli ho disinfettato il becco 3 volte al giorno con Betadine.
Qui si può notare il lato del becco tumefatto
talmente gonfio da non permettergli
di ingoiare bene.
Nel mentre ho guardato un po' di video che mostravano come nutrire al meglio un piccolo di piccione e ho seguito l'esempio QUI.
In sostanza ho tagliato di netto una siringa e dopo aver smussato gli angoli e riempita di semi, glieli ho "iniettati" direttamente in gola.
Alcune persone hanno criticato questo video definendolo invasivo e quasi violento ma considerando che il piccolo che ho trovato io non era più un pulcino e non voleva che mi avvicinassi, e considerando anche che con quel becco non poteva certo ingoiare da solo, l'ho trovato pratico ed efficace e alla fine il piccolo si è abituato alla cosa.
La cura faceva effetto: il becco iniziava a sgonfiarsi e la parte bianca e giallognola si induriva e veniva via a pezzi (spero che non ci siano deboli di stomaco fra i lettori).
Alcuni giorni ho temuto di alzarmi la mattina e trovarlo morto perchè spesso era debole ma poi mi sono resa conto che era dovuto alla medicina quindi ho gradualmente diminuito le dosi.
Dopo circa una settimana di tribolazioni, un adulto di piccione si è presentato sul mio terrazzo.
Non so se fosse un suo parente o meno ma l'ho subito chiamato Padre mentre il piccolo era diventato Picciotto.
Con l'arrivo di Padre, Picciotto sembrava essere rinato, era superfelice: pigolava, correva ovunque, sbatteva le ali e nel giro di due giorni aveva imparato a becchettare e pulirsi le penne (prima ero io a pulirgliele con un panno umido).
Eccoli qui.. sembrano proprio padre e figlio..
Dopo l'arrivo di Padre però, Picciotto ha iniziato ad essere ostile con me e mi beccava selvaggiamente quando mi avvicinavo, ma il suo becco aveva ancora bisogno di cure e quindi non mi sono scoraggiata.
Le sue beccato non facevano male
ma era evidente che mi attaccava con ferocia.
Dopo averlo preso però, si lasciava curare.. chissà se ha capito quello che stavo facendo per lui.. bò..
Calmo e sereno sulle mie gambe
mentre preparavo il tampone col Betadine.
Padre ha iniziato a venire ogni giorno per la gioia di Picciotto.
Io però ho spesso sospettato che venisse solo per il cibo e dato che Picciotto era ancora inesperto e il suo becco certamente non era perfetto (aveva bisogno di più tempo del normale per nutrirsi), a Picciotto lasciavo il cibo in una scodellina mentre a Padre lo spargevo per il terrazzo in modo tale che lasciasse mangiare il piccolo in pace.
Da questa foto si capisce quanto Picciotto
 sia bruttino rispetto a un comune piccione..
un misto fra le parti più sgraziate
di un piccione, un avvoltoio e una cornacchia.
Dopo un paio di settimane è arrivata la fase adolescenziale della ribellione e Picciotto ha iniziato a cacciare via Padre per non dividere il cibo con lui.
Questo mi terrorizzava perchè io desideravo che Padre gli insegnasse ancora qualcosa: volare.
Picciotto si è rivelato una vera iena.
Padre però è stato tenace e io cercavo sempre di attirarlo col cibo finchè un bel giorno ha aiutato Picciotto a salire sul parapetto del mio terrazzo.
Purtroppo non ero sempre in casa quindi non ho visto come si sono svolte le lezioni di volo ma ero preoccupata perchè il mio terrazzo è al terzo piano e sotto c'è una strada trafficatissima.
Un mattino della terza settimana di permanenza di Picciotto, esco sul terrazzo facendo rumore con i semini in modo da farlo uscire dai suoi nascondigli fra i vasi e quello che vedo è un uccello scuro e sgraziato volare barcollante verso di me dal tetto della casa difronte: era Picciotto!
Finalmente volava e aveva riconosciuto il rumore della sua pappa.
Nel frattempo il suo becco era completamente guarito anche se è rimasto un po' storto e gli manca un angolino laterale a causa della malattia.
L'esperienza paterna trasmessa al figlio..
Ora Picciotto è tutto il giorno a zonzo, ogni tanto viene a chiedere della pappa e io non gliela nego perchè immagino che col suo becco un po' storto non possa tener testa alla velocità degli altri piccioni nel mangiare.
L'unico problemino è che la notte continua a venire a dormire sul terrazzo spargendolo di cacchette con la grande disapprovazione di mia madre.. ^^
Per il momento io lo lascio fare, dopotutto non è ancora adulto.. spero che prima o poi riesca a integrarsi con qualche gruppo di piccioni e vada a stare con loro.
C'è anche la possibilità che lui decida di formare un suo personale gruppo sul mio terrazzo e questo sarebbe veramente tragico.. ma ora non ci voglio nemmeno pensare!!!
Il suo vaso preferito e i miei fiori tutti schiacciati!


Durante questo mese il povero Totoro non ha avuto accesso al terrazzo ma ad assistere all'intera vicenda ci sono state le mie tarte d'acqua che dalla loro vasca osservavano tutto.
Qui sto dando loro del prosciutto con una pinza.
Hakuna, Makio e Gnocchetto.
Da qualche parte c'è Dae-Su
ma lei non si fa vedere mai perchè è una tarta
particolare che vive nel fondale della vasca.
In stile cagnolino, prendono un pezzo in bocca e corrono a mangiarlo altrove per non farselo rubare.
Hakuna trionfante col pezzo più grosso di prosciutto.


Un giorno ho notato due occhietti curiosi che mi fissavano: su una pianta carnivora si erano posati 2 semi di soffione!
Sembrano occhietti (con tanto di ciglia) per davvero... troppo carina! :3



PS: Scusate se il mio terrazzo appare lurido ma il piccione buttava roba ovunque e mentre pulivo si nascondeva quindi riuscivo a fare foto decenti solo prima di pulire!

33 commenti:

  1. Che bella storia...hai fatto bene a prendertene cura, è stato molto fortunato a "capitare" da te.
    Qui è un periodo che i piccioni fanno un casino assurdo, cos'è la stagione degli amori? Il problema è che starnazzano di primo mattino ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono estremamente mattiniera.. in estate alle 6 sono già in piedi senza alcuna sveglia.. ^^
      Lo starnazzare dei vari uccelli che vivono in zona non mi da particolarmente fastidio.
      Quando dovevo nutrire il piccolo mi alzavo anche prima perchè il procedimento richiedeva tempo e pazienza.

      Non so se è la stagione degli amori per i piccioni.. a me sembra che siano in amore tutto l'anno.. -_-

      Elimina
  2. Povero Picciotto con il becco storto! Ma sono felice che si sia ripreso.
    Che belle le rughine! <3
    Comunque, per un attimo mi sono immaginato davvero una sfida all'ultimo sangue fra Nyu e l'ispettore XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro il tenente Colombo.. la foto l'ho fatta in camera mia dove ho appeso la stampa che vedi! xD
      Io credo che non potrei tenergli testa.. ahahah.. non sono così intuitiva e sfacciata! xD

      Le mie tarte sono adorabili e bravissime.. ;)

      Elimina
    2. Perché l'ho chiamato Ispettore? forse perché in questo periodo sto leggendo un giallo con ben due ispettori che indagano, da qui la confusione XD. Ah ah, che rincoglionito!

      Elimina
    3. Ma nooooo... va bene lo stesso.. ahahaha! <3

      Elimina
  3. Oh eccolo! :-D volevo giusto chiederti come stava, vi ho pensati l'altro giorno, ma non volevo infierire nel caso fosse andato storto qualcosa. Direi invece che va tutto benissimo, ha anche iniziato a volare, che meraviglia! :-D
    Ma quante tartarughe hai?? E poi: che bello le puoi tenere fuori? Da me morirebbero di freddo ( forse)... Mia zia ne ha da anni una nell'orto, quelle di terra che adesso sono vietate, ma lei c'è l'ha da circa 40 anni se va bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vedi sta benone... avevo preso in considerazione di contattare la Lipu come mi avevi suggerito ma in molti forum dicevano che se non sono animali protetti, difficilmente se ne occupano.. poi cmq ho visto che il becco migliorava e lui teneva duro e allora ho continuato ad agire autonomamente.

      Le tarte che vedi in foto sono tarte d'acqua. Ne ho 4 e d'estate le lascio fuori.
      Quelle che si riescono a vedere sono le classiche Trachemys che vendono ovunque, mentre sul fondale vive una Pelodiscus.. se vuoi vederla ne ho parlato qui tempo fa: http://nyu81oresama.blogspot.it/2011/06/pelodiscus.html
      Vivono in una di quelle enormi vasche di plastica che vendono all'IKEA! ^^
      D'estate sono fuori e d'inverno le sistemo in casa in un angolino..
      In realtà avrei dovuto averne solo 3 ma una ragazza voleva abbandonare la sua tartaruga e l'ha sbarcata a me.. ^^
      Purtroppo molti le abbandonano quando diventano troppo grandi perchè in effetti hanno molte esigenze e puzzano ma io ovviamente non sono il tipo.. le mie piccine sono mie e le adoro tutte! xD

      Elimina
  4. Che bello! Picciotto si è ripreso e sta diventando un piccione grande e grosso (no, bello no, ma dall'aria molto più sana di prima, decisamente!).
    Padre, invece, è un bel piccione (no, non sono una fan dei volatili, continuo a preferire i felini e Totoro ha tutto il mio appoggio morale per la reclusione dal terrazzo) :D

    Comunque, se adesso sa che tu gli dai cibo e riparo ho idea che tornerà spesso a trovarti ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Picciotto è di un brutto unico.. ahahah! Chissà se crescendo migliorerà.. non è ancora adulto quindi è tutto da vedere.
      Di certo potrò sempre riconoscerlo.. ahahaha!

      A me fa piacere che lui torni a mangiare ma il fatto che resta anche a dormire è un po' preoccupante.. spero sempre che trovi un'altra casa anche perchè ora sul terrazzo c'è la tenda e si sta comodi e freschi ma in inverno il terrazzo è esposto alle intemperie e non credo sia confortevole. :s

      Elimina
  5. Ma non è che invece l'hanno cacciato perchè è figlio illegittimo dell'amore proibito tra un piccione e una cornacchia?

    Sei tu nella prima foto? Che figa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da me le cornacchie non mancano.. potrebbe anche essere!
      Se continua a tornare a trovarmi vedrò le sue ulteriori evoluzioni.. xD

      Sì sono io, ma sono camuffata.. ahahah.. parrucca, trucco marcato.. solitamente sono diversa! xp

      Elimina
  6. Bellissima storia, mi ricorda un episodio di "Hello Spank" (tanto per non perdere di vista la nostra comune nipponofilia ;-)
    Hai avuto molta pazienza e anche un po' di fortuna, io una volta ho tentato una cosa del genere con un passerotto ma purtroppo è morto la sera stessa che l'ho portato a casa.
    Complimenti davvero :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I passerotti sono una cosa completamente diversa.. anche a me è capitato di trovarne ma poi sono morti in poco tempo.
      Gli uccellini sono delicati.. i piccioni invece.. bè.. sono certamente più tenaci e resistenti, altrimenti non sarebbero stati in grado di infestare le città adattandosi all'uomo.

      Elimina
  7. Lo ammetto: non ho per nulla simpatia per i piccioni, visto che ho avuto una brutta esperienza con loro.
    Però per questa storia faccio uno strappo alla regola.
    E' molto bella, sembra uscita da un libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopratutto perchè è difficile curare da soli gli uccellini feriti

      Elimina
    2. I piccioni sono certamente una razza a parte di uccelli.. ahahah!
      Anche io non li amo per i vari motivi che un po' tutti conoscono ma presi singolarmente sono cmq bellissimi uccelli.

      Cosa ti hanno fatto di così terribile? :p

      Elimina
  8. Saresti stata un ottimo veterinario! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo.. ^^
      Cmq sono anche stata fortunata.. poteva non andare così bene..

      Elimina
  9. Sono commossa ç_ç Sei una persona meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah.. Totoro la pensa diversamente.. ahahah!
      Proprio ieri gli ho fatto una foto mentre Picciotto passeggiava felice sul terrazzo e Totoro lo guardava invidioso.. ahahah!

      Elimina
  10. Sei davvero una persona dal cuore enorme!! :D
    Io sono sincera i piccioni li schifo un po', per fortuna vivendo in campagna ci sono quelli un po' meno "piccioni" e un po' più tortore altrimenti sarebbe un urlo continuo!
    Voto 10 invece alla pianta carnivora, davvero bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non fanno schifo ma anche io sono un po' inorridita dalle valanghe di cacche per non parlare della mia preoccupazione per malattie e parassiti che portano.. alla fine non è nemmeno tutta colpa loro.. si sono dovuti adattare all'uomo perchè in effetti, come dici tu, quelli che sono in campagna, non sono certo così sporchi e non si ammassano ovunque.

      La mia pianta carnivora occhiuta ringrazia anche se ormai i semi di soffione sono volati via quindi ha perso gli occhietti! xD

      Elimina
  11. Ma...hai i capelli bianchi? O.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuuuuu.. è una parrucca!
      Oddio, qualche capello bianco ormai ce l'ho ma non così tanti.. ahahaha!

      Elimina
  12. Forse Picciotto è come il Brutto Anatroccolo, finirai per ritrovarti un cigno in balcone :D

    RispondiElimina
  13. Ma è una storia bellissima!! *_*
    Io il mese scorso mi sono trovata un pulcino di rondone, ma per fortuna ho potuto affidarlo a mani esperte. Mi fa una tenerezza infinita sapere che ha imparato a volare ma torna da te per la pappa. (Mi dispiace un po' per Totoro però).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. è diventato un po' approfittatore Picciotto.. ormai pretende cibo ogni volta che mi vede ma io cerco di non abituarlo troppo perchè voglio che vada a cercarselo! ^^

      Elimina
  14. Oh che bello *-* Ti ammiro per essertene presa cura , molti non lo farebbero ... Che carini che sono Padre e Picciotto :3

    PS. le tartarughe *O*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presto vedrai altri piccioni.. il destino me ne ha fatti arrivare altri 2.. ^^

      Elimina
  15. che bella storia :') mi rendo conto di essermi persa un bel po' dei tuoi aggiornamenti!! Comunque, sei stata davvero brava nel prenderti cura di quel piccolino :) a me i piccioni non fanno molta simpatia, però se lo avessi trovato nel balcone di casa penso che non lo avrei abbandonato!! Fin quando si può è giusto aiutarli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è colpa loro se vivono in quel modo. Anni e anni fa l'uomo li allevava e addestrava; ora, come anche i cani, i piccioni si sentono in un certo qual modo abituati a vivere dove vive l'uomo e quindi, a differenza di altri uccelli, invadono prepotentemente le zone abitate.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...